~*~Provenza- Salon De Provence e Nostradamus~*~

Salon De Provence come gran parte delle cittadine meridionali francesi esercita attrattiva per il suo splendido castello, la piazzetta, il centro storico poco caotico colmo di aiuole e bistrot. Proprio come ogni villaggio Provenzale ha qualcosa che lo caratterizza, un quid che lo rende unico rispetto agli altri. In questo caso a Salon visse una parte della propria esistenza e mori´ Nostradamus: Medico, Astronomo e Alchimista del 500 famoso per le profezie.

salondp-cast

Salon de Provence oggi e´ conosciuta per il commercio di olive e sapone, molti negozietti circondano il maniero, un tempo dimora del vescovo di Arles. Proseguendo lungo le vie si ha modo di notare uno degli ingressi del centro storico, la torre con orologio astronomico che e´ imbocco della strada che conduce alla dimora-museo di Nostradamus.

salon1-nostcasa

orologio-astron

Nostradamus qui scrisse in quartine le profezie, alcune di esse avrebbero predetto le guerre mondiali e altri accadimenti storici drammatici. Gli scettici dicono che in realta´, lo stile ambiguo di scrittura, fornisce varie interpretazioni per cui vi si legge quello che si vuole intendere. Comunque anche qualora fosse cosi´ Nostradamus fu personaggio di spessore e cultura del 500: fu ospite e consigliere di svariati regnanti, tra cui Caterina De Medici.

staunostgiust

Egli studio´ le teorie di Paracelso e Agrippa, il primo sosteneva che la mente in salute mantiene in salute anche il corpo e l´astrologia poteva suggerire il cammino da perseguire. Nostradamus analizzo´  i testi di Al-Ghazali secondo cui bisogna necessariamente attraversare il “buio” per trovare ed apprezzare la luce. L´ astronomo spesso scrisse che meditava e alterava le sue percezioni concentrandosi sulla fiamma di una candela mentre essa era riflessa in un catino d´acqua. Tecnica ancor oggi consigliata in alcune terapie e forme di meditazione trascendentale.

~*~Provenza- Salon De Provence e Nostradamus~*~ultima modifica: 2016-12-23T13:09:46+00:00da bittersweet77
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento