SICILIA- RAGUSA – LA CHIESA DI SAN GIORGIO ED I RESTI DI COCCODRILLO.

La Sicilia era un pezzo d´Africa e se a Siracusa si lavora il papiro non stupisce che nel ragusano potessero esserci coccodrilli. Evidentemente il clima e´favorevole ad entrambi.

 ragusavista

In Egitto il coccodrillo era considerato un animale Sacro. SOBEK aveva testa di coccodrillo e assicurava la fertilita´della zona del Nilo che con il suo Limo concimava la terra, la sua spietata voracita´lo rendeva comunque temibile. In seguito il coccodrillo, durante il medioevo, venne  associato al solo male. Fu sinonimo di Ipocrisia e lo chiamavano drago di terra. Affascinava le genti la sua forte corazza squamosa ma il suo strisciare nella melma e la sua aggressivita´letale gli diedero significato di dannazione. Un unguento si traeva dalle sue viscere per creare un belletto per donne e teatranti e cio´ rese l´animale ancora piu´colpevole di agevolare il lato “falso” e “artefatto” delle cose. Il male che si nasconde nei dettagli, il male che si traveste per sedurre gli innocenti. San Giorgio e´raffigurato nell´atto di uccidere il Drago per riaffermare verita´e giustizia.

san-giorgio-e-il-drago

In Italia piu´chiese hanno, in bella mostra, appeso sul soffitto un coccodrillo imbalsamato in segno di resa del male nella casa di Dio. Come i coccodrilli arrivarono in Italia non si sa, si pensa importati dagli arabi, in Sicilia comunque sono molte le storie su questo rettile che avrebbe attaccato persone e animali, decimando pascoli e mandrie. A Palermo, nel rione del suo famoso mercato, un coccodrillo impagliato e´attrazione turistica ormai nota.

 coccopaslermo

La Chiesa di SAN GIORGIO a Ragusa,splendido e incantevole esempio di Barocco Siculo, prima del terremoto del 1693 era al confine est dell´abitato dove ancora e´presente il portale con la sua decorazione.

 DSCF3428

Nel 700 fu trasferita dove si ergeva la chiesa di San Nicola e rimase vivo il culto di SAN GIORGIO, il 23 Aprile ogni anno un enorme coccodrillo meccanico viene trasportato in processione per ricordare l´eroico Santo che lo sconfisse.

DSCF3451

In Chiesa si suppone siano stati trasferiti anche le ossa ed i resti di questi animali che secoli prima avevano invaso le campagne Ragusane.

DSCF3442

 

SICILIA- RAGUSA – LA CHIESA DI SAN GIORGIO ED I RESTI DI COCCODRILLO.ultima modifica: 2014-12-21T13:40:24+00:00da bittersweet77
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento