Toscana – Borgo a Mozzano- Il Ponte della Maddalena (o del diavolo) leggende e rituali/ La chiesa di San Cassiano di Controne

La Garfagnana e´terra di boschi rigogliosi e torrenti, talvolta cosi carichi che straripano pericolosamente e inondano i paesi. Le piene dei fiumi hanno reso percio´ ingegneri e architetti toscani abili costruttori di ponti e ponteggi. Un paio di questi sono dei capolavori, opere d´arte.

 ponte1

Il Ponte Medievale di Borgo a Mozzano con i suoi archi, di cui uno aggiunto successivamente, affascina in particolar modo. Le sue gobbe, che sembrano voler scalzare, far balzare via il passante sono state attraversate da mercanti, pellegrini, globe-trotter nel corso dei secoli. La leggenda narra che uno dei costruttori incontro´ il diavolo che gli disse che si sarebbe preso l´anima del primo dei passanti, in cambio non avrebbe ostacolato i lavori. Il muratore furbamente fece passare un animale prendendosi gioco del diavolo che dovette accontentarsi dello spirito della bestia.

 ponte2

Il 31 ottobre di ogni anno il borgo festeggia la notte di halloween con particolare sentire, fiere e musica in ogni slargo o piazzetta decorata per l´evento annuale. Lo stesso ponte ebbe un ruolo fondamentale tra gli occultisti. E´luogo considerato centrifugo di energie dove magie e sortilegi venivano effettuati. Cio´ fa sorridere se si pensa che il Ponte si chiama in realta´ Ponte della Maddalena per via di un Oratorio omonimo che costeggiava il fiume Serchio e affacciava sulla struttura.

ponte4

Fu edificato per volonta´ di una nobildonna nel 1100 e per secoli fu vietato far trasportare merci e carretti pesanti su questo per tutelarne la bellezza. Cio´ che si puo´ notare a distanza e´come pur avendo archi sproporzionati risulta comunque armonico. Pare allucinazione anche camminarci sopra e percorrere i dossi, le convessita´e le concavita´che ci portano dal lato destro al sinistro del  fiume. In cima, forse per antico culto pagano, si affidavano incantesimi e malefici agli spiriti-guardiani delle acque sottostanti, si praticava divinazione osservando i mulinelli e i mini-vortici dall´alto. Cortecce incise, petali di fiori, gemme venivano consegnati come dono alle correnti per sviluppare le stregonerie richieste.

 ponte 3

Poco distante, sotto il monte PRATOFIORITO, vi e´ la chiesa di  San Cassiano di Controne, che pare sia stata costruita sui resti di un tempietto dedicato a Diana, dea della caccia e della selvaggina.  

sancassianospirale2

Si vedono vari simboli, tra cui spirali che riprendono il moto ondoso e le rapide del fiume, personaggi con le braccia alzate verso su ma a gettar fiori in alto come a voler unire cielo e terra, molti animali dalle grandi fauci.

sancassiano spirale3

sancassianospirale

 

Toscana – Borgo a Mozzano- Il Ponte della Maddalena (o del diavolo) leggende e rituali/ La chiesa di San Cassiano di Controneultima modifica: 2015-05-06T18:03:56+00:00da bittersweet77
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento